Silvia Storari e Claudia Noemi Cascella

Silvia Storari, vicecampionessa mondiale senior, e Claudia Noemi Cascella, campionessa europea a squadre hanno dato vita ad una Academy di padel di ispirazione per tutto il movimento sul territorio nazionale.

Raccontaci di te: chi sei?

Silvia: Sono Silvia Storari e sono una giocatrice di padel a livello agonistico. Se dovessi descrivermi brevemente inizierei col dire che vivo per lo sport e di sport da ancora prima di nascere: mia madre dice sempre che già quando era in dolce attesa di me e di mio fratello gemello Marco (anche lui sportivo, ex giocatore di calcio), non stavamo mai fermi! Fin da bambina, quindi, ho sempre amato il movimento e mi sono impegnata in diversi sport che mi hanno portata a spostarmi in lungo e in largo per l’Italia: nella mia vita c’è stato il tennis, il calcio a 5, il beach tennis e infine il padel, che è diventato una grande passione e che mi sta regalando enormi soddisfazioni. Nel 2013, infatti, mi sono trasferita in Versilia e due anni fa, insieme alla mia socia Claudia Noemi Cascella, abbiamo aperto una scuola di padel a Marina di Massa; da allora ho incrociato gli sguardi di tantissimi allievi di ogni età e attraverso le clinic che svolgiamo in tutta Italia ho condiviso l’amore per il padel con colleghi e appassionati. Nel frattempo, sono anche diventata vicecampionessa mondiale ed europea con la nazionale Over.

Claudia: Sono Claudia Noemi Cascella, classe ’92 e sono una giocatrice di padel. Mi sono laureata in Scienze delle attività sportive e poi mi sono specializzata in Management dello sport. Successivamente ho acquisito tutti i titoli della Federazione Italiana Tennis; da Maestra nazionale di tennis e di tennis in carrozzina a Maestra nazionale di padel, da Preparatrice fisica di 2 grado a Dirigente sportivo di 2 grado. In circa 13 anni ho insegnato diversi sport (tennis, calcio, padel) e per un periodo ho insegnato anche attività motoria ai bambini in età prescolare. Da qualche anno, invece, mi dedico anima e corpo al padel, uno sport che mi ha letteralmente conquistata.

Perché il padel?

Silvia: Ho sempre amato gli sport di racchetta e grazie a Roberto Agnini – ex coach della nazionale – ho intrapreso tutto il percorso per diventare maestra nazionale. Trovo che il padel sia davvero uno sport spettacolare dal punto di vista delle azioni, e poi è bello perché è aggregante e ti porta a incontrare e conoscere mille altre realtà.

Claudia: Dopo 15 anni di tennis ho deciso di dedicarmi completamente al padel trasferendomi in Spagna per accelerare i tempi di formazione e sono diventata la numero 7 d’Italia e la 144ª nella classifica World Padel Tour. Dopo due anni di intensa attività, però, a causa di alcuni problemi fisici che hanno rallentato l’attività agonistica, mi sono dedicata all’insegnamento gestendo per un anno una scuola di Padel in Puglia. E infine è arrivata l’amicizia con Silvia e insieme abbiamo deciso di aprire una scuola di padel in Versilia, precisamente al Padel Marina di Massa in cui formiamo e seguiamo allievi di ogni fascia d’età, dai bambini ai giocatori professionisti. Inoltre, collaboriamo con altre realtà come La Spezia e Parma, dove cerchiamo di esportare la metodologia Storari-Cascella, basata su programmazioni individualizzate e obiettivi prefissati da raggiungere.

Cosa c’è nel tuo futuro?

Silvia: C’è la voglia di far crescere la scuola e di farla diventare un punto di riferimento del padel nazionale. Abbiamo sviluppato una nostra metodologia per l’apprendimento di questa disciplina e puntiamo ad esportare il nostro metodo e a collaborare con altri centri. Allo stesso tempo, ogni nuova occasione di collaborazione per noi rappresenta un momento di scambio e arricchimento, perché in ogni nuova realtà c’è sempre qualcosa da imparare oltre che da insegnare. Questo è il motore che mi muove e che voglio alimentare: la curiosità e la voglia di studiare per migliorare sempre.

Claudia: Il nostro sogno è diventare il punto di riferimento italiano perché crediamo molto in ciò che facciamo, sappiamo che ci mettiamo cuore e anima e cerchiamo di seguire ogni allievo a 360 gradi, dentro e fuori il campo, avvalendoci anche del supporto di altre figure professionali come nutrizionisti, fisioterapisti e preparatori fisici. C’è anche la volontà di tornare in Spagna per specializzarci ulteriormente, perché non si smette mai di imparare. Puntare su due donne non è facile, ma da parte nostra c’è profonda convinzione nelle nostre capacità; insomma sappiamo quanto valiamo perché giocare a padel è facile, ma giocare bene no!

Cos’è per te il Made in Italy?

Silvia: Il Made in Italy per me è vita. È sentirsi parte integrante di un modo di vivere e di pensare, è amare l’Italia in tutto e arricchirla sempre di più di cose belle ed importanti. È anche guardare alle Nazioni più forti nel padel come Spagna e Argentina, e sentire il bisogno di portare in Italia quel quid, per farla crescere ancora di più.

Claudia: Il Made in Italy lo interpreto come un marchio di garanzia in tutto ciò che facciamo: risiede nella qualità dell’offerta, nella scrupolosa osservanza di certi principi, nella passione che anima il processo creativo. L’Italia è un paese pieno di aspetti positivi e a volte facciamo fatica a riconoscerlo, vivendoci, ma da fuori lo percepiscono più di noi.

 

Ti consigliamo…

Storie di Bellezza

Nata nel 2015 dall’incontro del regista Nicola Abbatangelo, con l’imprenditore Marco Di Antonio per raccontare storie di bellezza, nel 2016, in co-produzione con rai cinema,