Emanuela Caruso

Chi è Emanuela Caruso?
Emanuela Caruso è una donna alla ricerca del bello. Quando ho dato vita alla mia azienda ero giovane, anche se già avevo maturato un bagaglio lavorativo che mi aveva portato a capire ciò che mi piaceva fare, ovvero creare gioielli da portare al piede unendo tradizione e innovazione di materiali!

Come nasce la tua azienda?
La nascita della mia azienda parte dal mio amore per Capri dove sono cresciuta, mi fermavo a guardare in vetrina gli artigiani che tagliavano la pelle e montavano sui piedi delle clienti le tomaie spesso gioiello o a volte più semplici e che rendevano le donne felici di avere una scarpa diversa dalle altre e fatta su misure per loro…. e quindi ho deciso con il tempo di rendere questo prodotto che le donne amavano più attuale facendo una ricerca su materiali e pietre che avrebbero reso i sandali gioiello tipici dell’isola più moderni da portare non solo nelle zone di mare ma anche in città.

Dove ti vedi tra cinque anni?
Tra cinque anni immagino di aprire un negozio monomarca in America ne abbiamo già uno a Capri e uno a Forte dei Marmi, dove con grande successo abbiamo fidelizzato clienti da tutto il mondo, le americane in particolare, amano questo prodotto lo abbinano con tutto e ci dicono sempre “I want a special sandal for me!” E per noi tutto questo è molto importante.

Cosa significa, per te, Made in Italy?
Sia i sandali che le borse sono realizzati in Italia e tutte le componenti sono made in Italy e per noi tutto questo rappresenta la forza del prodotto stesso, ho sempre creduto che l’Italia sia l’eccellenza per quanto riguarda l’artigianato e tutto ciò che ne deriva. E questo pensiero nel tempo ci ha premiati.

Ti consigliamo…

Virna Lisi. Diva e Antidiva

Un’esposizione che rende omaggio alla grande attrice italiana nella sua città d’origine, ideata da Mauro Tarantino e curata da Bruno Di Marino, storico dei media

“Contemporary Echoes”

BFF Banking Group presenta la mostra “Contemporary Echoes: Rediscovering Italian Art from 1950-1980, Artworks from the BFF Collection“, realizzata in partnership con l’Associazione americana International