Luisa Spagnoli A/I 22-23: una stagione dedicata alla riscoperta di sé

Porta la firma di Alvaro Beamud Cortes, la campagna Autunno-Inverno 2022-23 della maison Luisa Spagnoli, una dichiarazione d’amore per le donne da cui emerge una femminilità decisa e risoluta che parla anche attraverso gli abiti.

Donne – le modelle di Luisa Spagnoli – che guardano dritte in camera, che fanno community, che si sostengono a vicenda per il raggiungimento dei propri obiettivi. Una sorellanza alla ricerca di una delicata sensualità attraverso la scoperta del self-empowerment. I colori primari ricoprono un peso determinante in questa collezione che gioca sul rosso cherry, il giallo mais, il verde prato, il blu cobalto intenso, ma anche il viola, mentre per la sera viene proposto il total black raccontato in modi inaspettati con dettagli lurex e paillettes, abiti monospalla in taffetà di seta indossati con bracciali dorati vistosi, oppure abiti con scolli profondi ed intriganti aperture sulla schiena.

E poi la maglieria chunky, i cui filati spessi sono finemente tricottati come esige il Made in Italy per cardigan, bomber, maxi-sciarpe e ricca di dettagli e di jacquard dall’appeal folk per spezzare le tinte unite o i maglioni tricot su gonne midi con stampe etniche colorate e stivali scamosciati a punta per rappresentare una donna seducente, moderna e consapevole del proprio fascino.

E, ancora, l’uso della maglia sottile, ideale per abiti spezzati da grandi cinture in finto coccodrillo, minigonne, ma anche mantelle e blazer cropped in panno di lana. Nella collezione A/I 22-23 di Luisa Spagnoli, le donne amano i cappotti lunghi alla caviglia in colori decisi come pure le mantelle alla coscia e le giacche biker in pelle, tanto quanto i tailleur con gonna a matita o pantaloni sartoriali sotto micro-giacche con revers in raso. Una collezione è aggraziata e seducente per esaltare l’attitudine femminile e rispondere ad un desiderio di sicurezza delle donne.

Ti consigliamo…

Sonja Vizzini 

Chi è Sonja Vizzini Sonja si laurea in Architettura al Politecnico di Torino, che è la sua città natale. La sua passione è l’interior design