Lavazza Crema e Gusto Classico premiata ai Brands Award 2022

Giunto quest’anno alla ventitreesima edizione, Brands Award, è l’iniziativa che premia le migliori performance annue di marca nei beni di largo consumo attraverso criteri oggettivi e riscontrabili che coinvolgono i consumatori finali e il retail.

I criteri di selezione delle marche sono determinati dai dati di mercato IRI da una giuria composta dai manager della Distribuzione e da un panel di oltre 2000 consumatori rappresentativi dell’universo familiare italiano. È su queste basi che la storica miscela Lavazza Crema e Gusto Classico (nel formato caffè macinato) si è aggiudicata il premio Brands Award 2022 come miglior prodotto di marca per indice di rotazione nella categoria “alimentari confezionati”.

Lavazza, azienda italiana produttrice di caffè fondata a Torino nel 1895, è un’azienda di proprietà dell’omonima famiglia da quattro generazioni. Con un fatturato di oltre 2,3 miliardi di euro e un portfolio di marchi leader nei mercati di riferimento, il Gruppo è oggi tra i principali protagonisti nello scenario globale del caffè. Con oltre 30 miliardi di tazzine di caffè prodotte all’anno, la presenza in 140 mercati con 9 stabilimenti produttivi in 6 Paesi e oltre 4.200 collaboratori, Lavazza ha rivoluzionato la cultura del caffè grazie ai continui investimenti in Ricerca e Sviluppo e testimonia un’attitudine a precorrere i tempi che si riflette anche nell’attenzione al tema della sostenibilità – economica, sociale e ambientale – considerata da sempre un riferimento per indirizzare la strategia aziendale. Una grande storia di successo che inizia con un purpose: “Awakening a better world every morning” che i consumatori premiano a testimonianza della relazione di fiducia che, proprio grazie all’eccellenza dei prodotti, il marchio ha saputo instaurare con il pubblico di riferimento.

Ti consigliamo…

Etro entra nell’era De Vincenzo

Eden of Etropìa, è la campagna pubblicitaria della collezione di debutto di Marco De Vincenzo, nuovo direttore creativo di Etro. Guardando ai dipinti e ai ritratti