Cucinelli presenta il “Castello di Solomeo”

A Solomeo, di fronte alla stampa nazionale ed internazionale, è andato in scena un vero e proprio “Simposio sul vino” per scoprire il “Castello di Solomeo” il vino di punta della cantina di Brunello Cucinelli, annunciato come “un omaggio alla Madre terra”. È stato inoltre annunciato che la vendita del vino servirà anche per costruire biblioteche in tutto il mondo. Il progetto agricolo era stato ideato già dal 2007, con il vino visto non come un fine ma come il mezzo per arrivare a restituire “dignità alla terra e al nobile lavoro in agricoltura”.

Come fonte di ispirazione Cucinelli ha parlato della Tenuta Guado al Tasso dei Marchesi Antinori, nella “piccola e prestigiosa” Doc di Bolgheri, sulla costa dell’alta Maremma. L’imprenditore si è avvalso di un enologo di fama internazionale come l’umbro Riccardo Cotarella, il quale ha affermato: “Penso che abbiamo ottenuto un gran vino e visto che lo produce una persona che ha fatto dello stile da sempre la sua cifra, questo vino doveva avere per forza un forte carattere”.

Impiantato nel 2011, il vigneto si estende su una superficie di 5 ettari ed è in grado di produrre circa 9mila bottiglie per anno. Le uve scelte per il “Castello di Solomeo” sono Cabernet Franc, Cabernet Sauvignon, Merlot, da cui nasce il prestigioso blend bordolese, a cui viene aggiunto il vitigno Sangiovese come tributo alla cultura e alla tradizione vitivinicola del centro Italia. Le oltre 20.000 piante si snodano lungo i filari seguendo un disegno a onda per rendere il vigneto simile ad un “giardino” e permettere alle piante, grazie alla loro esposizione, di ricevere la massima quantità di luce favorendo l’arieggiamento.

Ti consigliamo…