Bentornata Lancia Ypsilon!

Fondata a Torino nel 1906 da Vincenzo Lancia e specializzata da subito nella fabbricazione di veicoli di lusso, Lancia è tra le più antiche case automobilistiche italiane, e nessuno avrebbe mai pensato che un giorno le sorti del marchio sarebbero dipese interamente da un’utilitaria nata, peraltro, sotto un altro marchio.

Il rilancio dello storico marchio italiano, infatti, passa dalla Lancia Ypsilon che sarà presentata a Milano a febbraio e che inaugura il corso elettrico del marchio. Le immagini definitive del citycar trapelate durante le riprese dello spot di lancio confermano lo stile della vettura, che nel posteriore esibisce i fari tondi ispirati alla Stratos, una delle regine assolute del rally, per vittorie e bellezza. Revival ma in chiave moderna, all’interno dei gruppi ottici circolari sono ben evidenti le grafiche dei led a forma di “Y”.

La Lancia Ypsilon elettrica esordirà con la serie speciale Cassina, realizzata in 1906 unità, numero che celebra l’anno di fondazione del Costruttore auto, con potenza di 156 cavalli, batteria da 54 kW ora e autonomia di circa 400 chilometri, sarà lunga circa 4,1 metri e nascerà sulla piattaforma STLA Small di Stellantis. Poi sarà la volta della motorizzazione ibrida, spinta dal 1.2 benzina a 3 cilindri da 100 o 136 cavalli supportata da un sistema mild hybrid 48 V per ottimizzare emissioni e consumi. Ma Lancia Ypsilon è solo il primo passo del Rinascimento del Marchio: nel 2026 arriverà la ammiraglia Gamma e per il 2028 è fissato il gran ritorno di Lancia Delta, che sarà solo elettrica.

Ti consigliamo…